Error message

Il file non può essere creato.

Al Verdi di Pordenone Glauco Mauri e Roberto Sturno protagonisti di L'Inganno (Sleuth)

Foyer

PORDENONE - Dopo l’evento straordinario dei Demoni prosegue con un altro spettacolo di grande livello la stagione di prosa del Teatro Verdi di Pordenone: venerdì 5 e sabato 6 novembre dalle 20.45 e domenica 7 novembre alle 16,  L’inganno (Sleuth).

Un avvicente thriller psicologico che ci permette di assistere alla “sfida” tra due grandi attori di generazioni diverse, chiamati a superarsi in bravura: Glauco Mauri, una delle colonne portanti delle nostre scene, fuoriclasse anche in un contesto internazionale e Roberto Sturno, suo eccellente contrappunto, partner puntuale e duttile di un sodalizio lungo trent’anni.
E’, la loro, una vera e propria lezione di teatro Sleuth, letteralmente segugio, investigatore: l’autore, Anthony Shaffer, non ha mai dato una spiegazione di questo titolo, ma l’idea più affascinante Ë che sleuth sia lo spettatore stesso, che investigando deve scoprire, nascosti nei tanti inganni, i sentimenti che si agitano nell’animo dei due protagonisti.
Due uomini che si battono per il possesso di una donna, ma non solo. Un gioco di investigazione, di doppi, di cinico umorismo, sul filo del mistero, della falsità, delle bugie. Un gioco all’ultimo sangue tra un famoso e ricco scrittore di gialli, chiuso nella sua casa dai mille trabocchetti e l’amante della sua frivola moglie. Un gioco per la vittoria della mente più astuta. Andrew Wyke e Milo Tindle sono diversi. Milo ha fatto della sua difficile esistenza una lotta con il desiderio di rivincita sociale; Andrew della sua ne ha fatto invece un continuo gioco di fantasia per sfuggire alla stupida noia della vita. Ma alla fine finiranno per scambiarsi i ruoli: ognuno sarà vittima e carnefice.
Nel 1971 Anthony Shaffer ricevette il prestigioso “Tony Award” per la migliore commedia dell’anno, Sleuth, che cominciò cosÏ la sua fortunatissima carriera teatrale e tuttora viene replicato nei maggiori teatri di tutto il mondo. L’inganno ebbe un tale successo che fu, per ben due volte, adattato per il cinema: nel 1972 con con Laurence Olivier e Michael Caine e nel 2007 con Kenneth Branagh e Jude Law. Qual è il motivo di tanto gradimento del pubblico? Shaffer certamente propone in questo suo testo tutte le sue abilità di sceneggiatore di gialli, ma c’è qualcosa di molto di più nel fascino di questa commedia: ironia, dramma, gioco, comicità e sorprendenti colpi di scena

Stagione Teatrale 2010-2011

Dal 5 al 7 novembre 2010

venerdì 5 e sabato 6 novembre, alle ore 20:45

domenica 7 novembre, alle ore 16:00

Teatro Comunale Giuseppe Verdi, via Martelli 2 - PORDENONE

L’inganno (Sleuth)

di Anthony Shaffer

traduzione e adattamento di Glauco Mauri
con Glauco Mauri, Roberto Sturno
scene di Giuliano Spinelli
costumi di Simona Morresi
musiche di Germano Mazzocchetti
regia di Glauco Mauri Compagnia Mauri Sturno
 
Biglietti: interi da € 12,00 a € 28,00, ridotti da € 10,00 a € 26,00, studenti da 10,00 a € 22,00 strapuntini  € 5,00
in prevendita nella biglietteria del Teatro di viale Martelli aperta dal lunedÏ al venerdÏ dalle 14.30 alle 19 e  al sabato dalle 16 alle 19, o attraverso il sito www.comunalegiuseppeverdi.it , o con Greenticket  telefonando all’899-500055.

Info: Teatro Comunale Giuseppe Verdi
tel.  0434 247624
biglietteria@comunalegiuseppeverdi.it
www.comunalegiuseppeverdi.it