Error message

Il file non può essere creato.

Le Metamorphoses di Frédéric Flamand per Prospettiva Danza Teatro al Verdi di Padova

E20
[img_assist|nid=19667|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PADOVA - Approda a Padova lo spettacolo di Frédéric Flamand liberamente ispirato alle Metamorfosi di Ovidio. Considerato fin dall'antichità un grande contenitore di storie, il poema ovidiano ha dato vita attraverso i secoli a svariate interpretazioni in tutte le Arti. E la danza è una di queste. Con le coreografie di Metamorphoses, Frédéric Flamand ha scelto dei passaggi singolari (Fetonte, Perseo e Medea, Pegaso, Diana e Atteone, Narciso, Pallade e Aracne), rappresentati sul palco con una grande interpretazione scenica: una "storia del mondo" attualissima che offre una stupenda occasione per interrogarsi sui miti contemporanei della tecnologia, dell'eterna giovinezza, della bellezza, del culto dell'ego, della comunicazione globale. Le Metamorfosi ovidiane secondo Frédéric Flamand esprimono il desiderio di rompere e di far esplodere l’ordine classico e convergere le diverse arti senza rinunciare all’autonomia di ciascuna. Il suo lavoro passa dal narrativo alla gestualità fino ad arrivare all’immagine virtuale e al design. L’attenzione del coreografo viene rivolta ai fratelli Campana, i giovani designer brasiliani riconosciuti a livello internazionale per la loro particolare concezione del design, fatto di forme ibride e di materiali poveri e riciclati, apparsi a Flamand come i più adatti a confrontarsi con il tema della trasformazioni ispirato alla monumentale opera di Ovidio. Alla scenografia aerea dei fratelli Campana, fatta di tubi di alluminio, cerchi di gomma, canne in plastica e fasce in velcro, a cui i sedici danzatori del Ballet de Marseille si appendono e in cui si avviluppano, si contrappone una esuberanza stilistica squadernata in un virtuosistico catalogo di tecniche e movimenti. Con Métamorphoses, il coreografo si lascia trasportare dalla varietà dei soggetti, dal flusso dei miti e dai mutamenti che popolano il testo. Al pari della coreografia, l’immaginario di Flamand esplora il mondo fantastico, rendendolo quanto più vivo possibile, in grado di stimolare la curiositas, l’intelligenza e la sensibilità. È in questo caos vitale che Flamand vede riflessi i miti contemporanei: Fetonte, Perseo e Medea, Pegaso, Diana e Atteone, Narciso, Pallade e Aracne sono lo spunto per interrogarsi sui miti contemporanei della tecnologia, dell’eterna giovinezza, della bellezza, del culto dell’ego, della comunicazione globale. In questa rivisitazione dei personaggi classici Flamand inserisce, a guisa di interludio, un omaggio ai cigni del repertorio classico con un assolo di straordinaria bellezza. Flamand, con i suoi spettacoli aspira alla convergenza tra danza, arti plastiche e architettura - tutte discipline che come la coreografia si occupano della strutturazione dello spazio e interrogano lo statuto del corpo contemporaneo in rapporto con l’ambiente circostante. Frédéric Flamand affronta la danza esaltando l’abolizione delle[img_assist|nid=19669|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=427] tecniche e favorendo il dialogo tra danza classica e contemporanea. Da 10 anni, lavora intensivamente sui rapporti tra danza ed architettura, collaborando con artisti del calibro di Jean Nouvel, Zaha Hadid, Thom Mayne, Diller+Scofidio, Dominique Perrault… il punto di vista pluridisciplinare del suo lavoro lo porta nel 2003 alla testa del 1 Festival Internazionale di danza contemporanea della Biennale di Venezia e all’Università d’Architettura di Venezia, per la quale è stato ordinario d’un atelier nella sezione arte & design. Dal dicembre del 2004 dirige il Ballet National e l’Ecole Nationale Supérieure de Danse de Marseille, dopo aver diretto per 15 anni Charleroi/ Danses – Centre Chorégraphique de la Communauté française de Belgique. I suoi spettacoli sono programmati sulle grandi scene europee, dagli Stati Uniti, al Giappone all’America del Sud… Unitamente a William Forsythe, Wayne McGregor et Angelin Preljocaj, dirige il programma D.A.N.C.E (Dance Apprentice Network aCross Europe). Il Ballet National de Marseille, fondato nel 1972 da Roland Petit, il Ballet National de Marseille fa parte delle grandi compagnie di fama internazionale. Nel 1992 la nascita dell’École Nationale Supériore de Marseille e la costruzione di un edificio di 6000 m² (nuovi studios), che accolgono sia il balletto che l’École, hanno conferito alla compagnia una vastissima dimensione. La scuola accoglie in media ogni anno 120 giovani allievi e li prepara in nove anni alla danza professionista, mentre la compagnia è formata stabilmente da 35 ballerini. Il Balletto e la scuola iniziano un nuovo corso nel 1998 con la nomina di Marie-Claude Pietragalla a Direttore Generale. Nel 2004 la Direzione Generale del Balletto e dell’École Nationale Supérieure de Danse viene accolta da Frédéric Flamand, nominato dal Ministero della Cultura e della Comunicazione, dalla Città di Marseille e dalla Regione Provence- Alpes-Cote d’Azur. Il Balletto da questo momento muove la propria attività verso una concreta apertura di spirito che va oltre la tradizionale divisione tra danza classica e danza contemporanea. La memoria, ovvero la conferma della vocazione classica, l’apertura, ovvero la presentazione di un largo panorama di danza contemporanea sollecitando nuove creazioni, e l’innovazione, che punta l’attenzione al dialogo tra le differenti tecniche di danza, caratterizzano le creazioni di Flamand. Tre strade dunque, ma che vanno in un’unica direzione, ovvero l’abbattimento delle barriere. La danza, che scende dalla sua torre d’avorio, si integra in un sistema di intrecci che nascono dalla relazione di quest’ultima con le varie discipline artistiche, quali l’architettura, le arti plastiche e le arti visive. [img_assist|nid=19671|title=|desc=|link=none|align=left|width=427|height=640] Prospettiva Danza Teatro 2009 Giovedì 30 aprile 2009, ore 20.45 Teatro Comunale G. Verdi, via dei Livello, 32 - PADOVA Metamorphoses Ballet National de Marseille (Francia) concezione artistica: Frédéric Flamand coreografia: Frédéric Flamand e i danzatori del Ballet National de Marseille ballerini: Slawek Bendrat, Delphine Boutet, Marion Cavaillé, Katharina Christl, Simon Courchel, Yasuyuki Endo, Vito Giotta, Nonoka Kato, Yoshiko Kinoshita, Aurélie Luque, Lisa Maiesta-Wolsink, Marcos Marco, Nathanaël Marie, Angel Martinez, Valentina Pace, Anton Zvir musicisti: Georges Van Dam, violino Yukata Oya: pianoforte Michaël Weilacher: percussioni design e costumi: Humberto & Fernando Campana consulenza artistica: Bernard Degroote assistente alla coreografia: Cristina Dias, Hayo David luci: Frédéric Flamand, Ralf Nonn selezioni musicali: George Van Dam immagini: Fabiano Spano coproduzione: Grand Theatre de Luxembourg, capitale europea della Cultura 2007, Brighton Festival Biglietti:Platea/Pepiano intero € 28,00 ridotto € 25,00Palchi I e II ordine intero € 25,00 ridotto € 22,00Galleria intero € 15,00 ridotto € 12,00 Info: Arteven - Circuito teatrale RegionaleTel. 0415074711danza@arteven.ithttp://www.arteven.it