Error message

Il file non può essere creato.

A novembre a Pordenone la I edizione de Le voci dell’inchiesta

AntePrime
[img_assist|nid=9033|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PORDENONE – Dal 1° al 4 novembre 2007 a Pordenone si svolgerà la I edizione di Le voci dell’inchiesta, un festival che vuole affrontare le varietà di un genere d'informazione necessario e sempre più attuale, che spazia fra i vari mezzi di informazione, dal cinema alla televisione, dalla fotografia alla carta stampata, dalla radio ai nuovi media.
L’inchiesta è un modo di informare antico, ma spesso trascurato perchè scomodo, fatto di partecipazione, passione, profondo senso etico e civile, dove comunicare diventa una sfida quasi fisica, in cui si lotta per la notizia con ogni arma e risorsa.
Il festival proponendo incontri, letture, dibattiti, proiezioni, da una parte vuole ripercorrere la storia dell’inchiesta, le sue manifestazioni più importanti, riproponendo scoop che hanno cambiato il modo di intendere il concetto di verità, che hanno influenzato la nostra cultura e il nostro modo di vivere; dall’altra vuole osservare con occhio critico la contemporaneità, raccogliendo stimoli attuali e affrontando tematiche scottanti, in modo da creare momenti di riflessione sulla società e sulla cultura mediatica.
L’edizione del 2007, la prima, prevede una ricca retrospettiva cine-televisiva intitolata Da Trieste in giù: l'amore in Italia in cinquant'anni di inchieste filmate, omaggi alla carriera di Ugo Gregoretti e Gianni Bisiach, la prima assoluta di uno spettacolo teatrale di Oliviero Beha su Pasolini, eventi dedicati a Rai News 24, anteprime radiotelevisive, una rassegna dedicata alle produzioni della Movie Movie di[img_assist|nid=9034|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=514] Francesco Conversano e Nene Grignaffini, ospiti come Giovanni Minoli, Marco Travaglio, Gianni Barbacetto, Corradino Mineo, Italo Moscati, Riccardo Iacona, Enrico Deaglio e molti altri ancora fra scrittori, registi e giornalisti. Le voci dell’inchiesta è un’iniziativa di Cinemazero e dell’Università degli studi di Udine - Dipartimento di Storia e tutela dei beni culturali - Facoltà di Scienze della Formazione - Corso di laurea in Scienze e tecnologie multimediali, realizzata con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione Generale Cinema, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Pordenone e del Comune di Pordenone.

Le sezioni del festival:

Da Trieste in giù: L'amore in Italia in 50 anni di inchieste filmate

Gli italiani e il loro rapporto con l'amore e la sessualità raccontati dagli anni '50 a oggi, passando per il classico cinematografico di Comizi d'amore di Pasolini (1965), per arrivare a Comizi d'amore 2000 di Bigoni (2000) e al modernissimo Nuovi Comizi d'amore (2005) girato interamente con videofonini: la storia di una cultura e un Paese in evoluzione fra censura e cattolicesimo, raccontata grazie alle inchieste filmate.

Le strade del documentario: la Movie Movie di Francesco Conversano e Nene Grignaffini

Una retrospettiva per riconoscere l'ottimo e pluripremiato lavoro svolto dal 1980 da Francesco Conversano e Nene Grignaffini nel campo del documentario, utilizzando forme ibride di comunicazione, privilegiando il "documentario d'autore" come luogo e genere in cui sperimentare nuovi linguaggi e forme narrative diverse, per esplorare e attraversare costantemente territori quali il cinema ed altre forme artistiche ed espressive, indagando e riflettendo sull'immaginario collettivo e sui percorsi culturali del nostro secolo.

Pasolini, un’inchiesta italiana
Il giallo della morte, i suoi strali dalle colonne dei giornali, i sui film arrabbiati e necessari: Pasolini incarna la quintessenza della varietà dei generi che costiuiscono l'inchiesta. Uno spettacolo teatrale di Oliviero Beha in prima nazionale, presentazioni di libri, approfondimenti, la storia di Pasolini raccontata a fumetti, proiezioni... Tutto questo, per raccontare Pasolini, un'inchiesta italiana.

Retrospettiva Ugo Gregoretti.

Un maestro dell'inchiesta italiana: scomodo, irriverente, acuto e talentuoso, producendo per la televisione, per il cinema, per il teatro, antesignano del multimediale, ha saputo sperimentare ogni forma di linguaggio audiovisivo, portando la sua ironia e la sua innata capacità satirica: un omaggio necessario.

Omaggio a Gianni Bisiach.
Autore di innumerevoli inchieste televisive, regista preparato e tenace, medico, storico, giornalista, premio mondiale della televisione (Londra 1963) con l'inchiesta sulla mafia Rapporto da Corleone, Bisiach è anche uno dei massimi esperti della storia ancora oscura dei Kennedy. ripercorrere i sui lavori significa comprendere la preparazione, il rigore, la professionalità che serve per fare inchiesta.

Spazi off: i mille volti dell’inchiesta.
Spazio alle varie forme dell'inchiesta: registi, giornalisti, scrittori, filmaker indipendenti, politici, editori, disegnatori, per raccontare la varietà della ricchezza di un genere di informazione eticamente necessario. Film in anteprima e inchieste poco conosciute: un territorio libero e incondizionato, senza alcuna paura di gridare la verità.

Notturno special: Mondo movies e dintorni.

Le nottate scandalose, pruriginose e intriganti, dove scoprire le inchieste bandite, quelle segrete e troppo audaci, che è troppo facile dimenticare ma accattivante riscoprire.

Dal 1° al 4 novembre 2007

PORDENONE

Le voci dell’inchiesta - 1^ edizione
festival di cinema, teatro, radio, televisione, fotografia, stampa, nuovi media