Error message

Il file non può essere creato.

Un patrimonio per la città. La collezione Antonveneta in mostra ai Musei Civici agli Eremitani

Verniss@ge

[img_assist|nid=23582|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PADOVA - Dal 12 settembre a 4 novembre, i Musei Civici agli Eremitani ospitano la mostra Un patrimonio per la città. La collezione Antonveneta, che propone la collezione patavina dell'istituto di credito: per la prima volta in mostra una significativa selezione di dipinti, fra i quali si annoverano capolavori di Luca Giordano, Antonio Carneo, Marco Ricci, Francesco Guardi, Emma Ciardi, Cesare Laurenti ed Ettore Tito, grandi protagonisti della scena artistica tra i secoli XVI e XX.

La rassegna vuol rendere omaggio alla città di Padova, sede storica di Banca Antonveneta, istituto che, insieme alla sua Fondazione, è da sempre impegnato nella conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico.
 
Il percorso espositivo si sviluppa in sezioni (Natura morta, Pittura di figura, Ritratto, Paesaggio, Albergo Storione). Il corpus centrale è formato da tele di ambito veneto dei secoli XVII e XVIII e da pregevoli dipinti fiamminghi, fra i quali una bella Allegoria dell’Autunno di Pauwels Franck, artista giunto a Venezia alla fine del Cinquecento, e una sfarzosa Natura morta con selvaggina dell’olandese Adriaen van Utrecht.

Un importante nucleo è dedicato alla pittura di paesaggio[img_assist|nid=23583|title=|desc=|link=none|align=right|width=503|height=640] dell’Italia Settentrionale del primo Settecento, con capi d’opera dei suoi esponenti più significativi e originali: Magnasco, Marini, Ricci, Peruzzini e Zais. Tra i dipinti veneti del XVIII secolo, spiccano per singolarità e originalità le due raffinate scene di carnevale del veronese Marco Marcola e, per l’assoluto rilievo formale, le tele di Francesco Guardi, indiscussi capolavori del celebre veneziano e tra le opere di maggior prestigio dell’intera collezione Antonveneta. Dei secoli XIX e XX vi sono preziosi dipinti della veneziana Emma Ciardi e numerosi frammenti della decorazione ideata da Cesare Laurenti all’inizio del Novecento per l’Albergo Storione di Padova, considerato a ragione il capolavoro dello stile Liberty in terra veneta. 

A ideale conclusione del percorso, I maestri veneziani di Ettore Tito, un’opera affascinante e imponente per dimensioni e struttura compositiva. Realizzata nel 1937, essa costituisce il testamento spirituale dell’artista che nel ’40, a un anno dalla morte, la espose alla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, prestigiosa manifestazione della quale fu tra i fondatori. Raffigura la città lagunare, personificata da una giovane donna, cui i suoi più grandi artisti (Tiepolo, Veronese, Tiziano, Tintoretto) rendono omaggio. La tela offre una scena da remake cinematografico fuori dal tempo, così spregiudicata da raccogliere lo sguardo meditativo e perplesso di un sagace Goldoni, posto ai margini del gruppo.

[img_assist|nid=23584|title=|desc=|link=none|align=left|width=640|height=503]Dal 12 settembre a 4 novembre 2009

Musei Civici agli Eremitani, Piazza Eremitani 8  - PADOVA 

Un patrimonio per la città. La collezione Antonveneta

Artisti: Antonio Carneo, Emma Ciardi, Pauwels Franck, Luca Giordano, Francesco Guardi, Cesare Laurenti, Magnasco, Marco Marcola, Antonio Marini, Antonio Francesco Peruzzini, Marco Ricci, Ettore Tito, Adriaen van Utrecht

Vernissage: venerdì 11 settembre, alle ore 12:00, conferenza stampa in sala Romanino

Orario: 09:00 - 19:00. chiusura: tutti i lunedì non festivi

Biglietti: intero Museo, Cappella degli Scrovegni, Sala Multimediale, Palazzo Zuckermann euro 12.00; solo Museo, Sala Multimediale, Palazzo Zuckermann euro 10.00; ridotto euro 8.00, ridotto speciale euro 5.00, gratuito bambini fino ai 6 anni, disabili
Tutti i clienti di Banca Antonveneta e del Gruppo Montepaschi possono acquistare il biglietto al prezzo ridotto di 8 euro presentando carta di credito o bancomat del gruppo.

Info: Musei Civici

tel. 049 8204551

musei@comune.padova.it

padovacultura.padovanet.it