Tiktik: gli aswang di Erik Matti a Far East Film Festival 2013

E20
Giovedì 25 aprile in anteprima europea anche il comedy-drama Girls for Keeps di Fukagawa

UDINE – Dalla commedia romantica all’horror, dall’epic action all’action western, passando per il dramma familiare a tinte forti. La giornata di giovedì 25 aprile al FEFF 15 si presenta con un doppio e ricchissimo itinerario: quello geografico, spaziando nel cuore d’Asia (dalle Filippine alla Thailandia, dalla Cina a Taiwan), e quello cinematografico, spaziando, appunto, tra i più diversi generi.

Superfluo sottolineare che l’attesa del pubblico è concentrata su due eventi in particolare: il ritorno del regista-cult filippino Erik Matti, vecchio e caro amico del FEFF, e la proiezione in anteprima europea del delicatissimo comedy-drama nipponico Girls for Keeps di Fukagawa Yoshihiro.
Erik Matti, che il pubblico del festival conosce per titoli rimasti memorabili come Gagamboy, presenta quest’anno un’irresistibile horror comedy sugli aswang, i vampiri mannari: il film s’intitola Tiktik, sembra ispirato da Landis e Rodriguez (per la gioia dei fans) e scorrerà sul grande schermo udinese in anteprima internazionale.

Di tutt’altro segno, invece, Girls for Keeps, che racconta la Tokyo di oggi, moderna ma inflessibile, attraverso le dinamiche uomo-donna disegnate dai rispettivi ruoli sociali. Yukiko, Seiko, Yoko, Takako: una manager in carriera, una pubblicitaria, una madre divorziata e una single.  Quattro diversi temperamenti e un unico desidero di realizzazione (personale o professionale, non importa).

Quattro amiche, quattro diverse ways of life e una metropoli che non fa sconti. Quattro amiche alla soglia dei trenta: l’età decisiva, nella cultura nipponica, per stabilire cosa sarò da grande.
Una storia di lacrime e di sorrisi, di vittorie e di sconfitte, di sessismo e di libertà. Una storia di piccole (grandi) scelte, di piccole (grandi) ambizioni, di piccole (grandi) donne.

Da segnalare, tra gli altri, il sontuoso The Floating Castle (accompagnato sul palco dal regista Higuchi Shinji), che rende omaggio ai classici della letteratura epica, l’anteprima internazionale di Apolitical Romance, da Taiwan con amore, e il dramma cinese della gelosia Feng Shui (accompagnato sul palco dal regista Wang Jing).

Dal 19 al 27 aprile 2013

Teatro Nuovo Giovanni da Udine, via Trento 4 - UDINE

Far East Film Festival - 15. edizione

Giovedì 25 aprile 2013

Ore 09.15

The Strangers (Philippines, 2012, 97’, horror) di Lawrence A. Fajardo

Per il loro diciottesimo compleanno, i gemelli Pat e Max partono come ogni anno per il loro viaggio di famiglia fuori città. Mentre percorrono le strade di campagna il furgoncino si ferma misteriosamente. Persi e confusi, i membri della famiglia restano bloccati in un villaggio isolato sotto gli attacchi di aswang (zombie/lupi mannari). Quali altri oscuri misteri si celano nella foresta?

Ore 11.00

Far East Talks

Il regista di Countdown e di The Way We Dance, assieme ad altri ospiti, incontrano il pubblico e la stampa. Coordinano: Tim Youngs e Anchalee Chaiworaporn.

Ore 11.10

The Floating Castle (Japan, 2012, 144’, epic-action) di Inudo Isshin e Higuchi Shinji

1590, il potente Toyotomi invia 20.000 uomini per conquistare il castello di Oshi difeso da soli 500 soldati. Il signore non ha fatto i conti con il giovane reggente Narita, un uomo bizzarro ma che sa galvanizzare le truppe e rassicurare il popolo. Lo scontro avrà esiti imprevedibili. Da una storia vera, un racconto epico che tramite le immagini e i personaggi omaggia i grandi classici del genere.

Ore 14.00

Tiktik: The Aswang Chronicles (Philippines, 2012, 102’, action-horror) di Erik Matti

Erik Matti, quando finirai di stupirci? Con Tiktik sembra ispirato da Landis e Rodriguez e confeziona un’irresistibile action/horror/comedy sugli aswang, vampiri mannari. Makoy è pronto a tutto per riprendersi Sonya, la sua fidanzata, ma si mette nei guai con un gruppo di aswang che iniziano un feroce assedio alla casa della ragazza. Ma i nostri eroi non stanno a guardare…

Ore 15.50

Apolitical Romance (Taiwan, 2012, 88’, romantic comedy) di Hsieh Chun-yi

Una ragazza cinese in visita a Taiwan si innamora di un ragazzo del posto mentre la aiuta a rintracciare il primo amore della nonna. Conoscendosi scoprono di essere, in un certo senso, entrambi orfani: lei è stata allevata dalla nonna, lui è stato privato del padre criminale. Incredibile alchimia tra i protagonisti per una romance che, a dispetto del titolo, dice molto sulla politica sia reale che dei sentimenti.

Ore 17.25

Feng Shui (China, 2012, 118’, drama) di Wang Jing

Tratto dalla novella Diecimila frecce trafiggono il cuore della scrittrice Fang Fang, il film racconta le vicissitudini di una famiglia nel cuore della Cina. Tradimenti, tensioni, verità nascoste o supposte minano l’equilibrio dei familiari portandoli ad azioni estreme. Una riflessione toccante sui rapporti di coppia, generazionali e - più in generale - sulla tradizione e sulla società.

Ore 20.00

Girls for Keeps (Japan, 2012, 124’, comedy-drama) di Fukagawa Yoshihiro

Delicatissima commedia che racconta la Tokyo di oggi, tanto moderna quanto inflessibile, attraverso le dinamiche uomo-donna disegnate dai rispettivi ruoli sociali. Quattro amiche, quattro diverse way of life e una metropoli che non fa sconti. Quattro amiche alla soglia dei trenta: l’età decisiva, nella cultura nipponica, per stabilire “Cosa sarò da grande”.

Ore 22.10

An Inaccurate Memoir (China, 2012, 105’, action-western) di Yang Shupeng

Una banda di audaci fuorilegge compie furti fantasmagorici in tutta la Cina nord-occidentale occupata dai Giapponesi, utilizzando labirinti e passaggi sotterranei che li rendono invisibili e irrintracciabili. Presto si unisce a loro un patriota anti-Giappone che li convince ad immolarsi alla causa. Su toni e colori da irresistibile black comedy, vedremo i nostri banditi trasformarsi in eroi della patria!

Ore 00.10

Long Weekend (Thailand, 2013, 95’, horror) di Taweewat Wantha

Un fine settimana su un’isola sperduta di venerdì 13… Non può che essere la premessa di un film horror. Ad organizzare la vacanza è gruppo di studenti che partono senza dire nulla all’amico sfigato Thongsook. Quando il ragazzo li raggiunge, il gruppo viene bloccato in una grotta dove alcuni fedeli sono stati inghiottiti da un fantasma. L’incubo ha inizio. Teso e spiazzante gioco del gatto col topo.

Info: Centro Espressioni Cinematografiche
 tel. 0432/299545
feff@cecudine.org
www.fareastfilm.com