Error message

Il file non può essere creato.

La compagnia Bomba Suicida per la prima volta in Italia a B.Motion 2010

Pas de deux

Bassano del Grappa (VI) - I portoghesi di Bomba Suicida, la greca basata in Germania, Kat Valastur e l’olandese Ann van den Broek con la sua compagnia sono i protagonisti, giovedì 26 agosto della terza giornata di B.motion 2010 a Bassano del Grappa.

Per la prima volta in Italia la compagnia Bomba Suicida guidata dal coreografo Luís Guerra de Laocoi presenta Hurra! Arre! Il lavoro prende spunto da due versi onomatopeici che si scrivono in modo diverso ma si pronunciano nello stesso modo in tutto il mondo, e soprattutto contengono diverse e contrapposte chiavi di lettura.
Hurra! è l’urlo pronunciato dallo sportivo al termine della gara per segnalare uno stato di esultanza. Ci racconta di un sentimento di gioia, un’esplosione di energia, un sintomo di coinvolgente vitalità. Arre! invece è l’espressione che usa il pastore per esortare il gregge a camminare. Ci racconta di un sentimento di impazienza, un urlo aspro, perentorio, un segnale di comando verbale. Due suoni all’apparenza simili, ma profondamente diversi nelle intenzioni e nel modo in cui vengono pronunciati. Suoni che affiorano in bocca, che giocano con i performers sul senso e il non senso, mentre tutto il corpo esprime la tensione di uno stato emotivo!
Il coreografo portoghese Luís Guerra de Laocoi, subito dopo aver terminato la sua formazione in danza classica, viene scritturato come interprete di alcune performances realizzate da giovani coreografi contemporanei e registi di teatro sperimentale. Nel 2008 fonda il collettivo “Bomba Suicida”, per il quale realizza diverse creazioni che  vengono presentate in tutta Europa.

Diversa atmosfera quella che attraversa invece lo spettacolo Lang coreografato da Kat Valastur per la compagnia Ablibidances. A partire dalla forma a spirale del D.N.A. umano, prende vita una performance che ha a che fare con la perpetua espansione di un corpo. Il corpo dei performer si muove in relazione ad un altro corpo così come il mondo esiste in funzione dell’altro. La relazione tra i performers potrebbe essere descritta nello stesso modo in cui i gemelli sembrano uguali, ma nessuno può dire quale dei due assomiglia all’altro. In questo senso i performer sono due corpi incastrati in giri vorticosi che fanno perdere il senso di sè e della propria identità. Due figure speculari alla ricerca di un proprio centro.
Kat Válastur (nome d’arte di Katerina Papageorgiou) è nata ad Atene. Ha studiato a New York con Trisha Brown, David Dorfman, Daniel Lepkoff e Susan Klein. Nel 2001 ha fondato la compagnia adLibdances realizzando numerosi lavori. Nel 2007 si trasferisce a Berlino, dove oggi vive, per continuare i suoi studi nel programma Solo/Dance/Authorship del Hochschulübergreifendes Zentrum Tanz e Universität der Künste.

Chiude la serata We solo men il secondo lavoro in programma per la coreografa olandese Ann van den Broek che, dopo Co(te)lette, prosegue la sua indagine intorno al corpo, spostando lo sguardo dal femminile al maschile. Lo spettacolo è una sorta di viaggio tra gli stereotipi di un uomo che cela dietro la sua virilità un mondo di solitudini e incomunicabilità. Atmosfere da concerto pop per sei performer che non sono esattamente quello che sembrano

B.Motion 2010 - Operaestate Festival Veneto 2010

Giovedì 26 agosto 2010

Bassano del Grappa (VI) - location varie

ore 21:00 

Teatro Remondini

Hurra! Arre!

coreografie di Luís Guerra de Laocoi

Compagnia Bomba Suicida 

ore 21:30 

Teatro Remondini

Lang

coreografie di Kat Valastur

Compagnia Ablibidances

ore 22:00

CSC Garage Nardini

We solo men

coreografie di Ann van den Broek

Compagnia Ward/Ward

 

Info: Biglietteria Operaestate

tel. 0424 524214 – 0424 217811

tel. 0424 217819

www.operaestate.it