Le avventure di Pinocchio a Venezia e le lotte operaie a Porto Marghera a gennaio nello Scaffale Aperto del Candiani di Mestre

InConTri
Mestre (VE) -   Doppio appuntamento con Scaffale aperto nel mese di gennaio.  Giovedì 14 alle ore 18.00,  presentazione del libro Le avventure di Pinocchio. Tavole ispirate alla Laguna di Venezia di Gianpaolo Berto di Carlo Collodi con Gianpaolo Berto, Sergio Garbato e Ivo Prandin. Nuova e moderna storia, illustrata da Gianpaolo Berto, di un Pinocchio veneziano che non ritrova solo le maschere amiche, ma una città che rischia con i suoi sparuti abitanti di diventare abitata da sole maschere, una città dei balocchi che chiude. Gianpaolo Berto è nato ad Adria (Rovigo) nel 1940. Ha iniziato a dipingere come autodidatta in giovanissima età. A partire dagli anni Sessanta a tutt’oggi, ha tenuto numerosissime mostre in gallerie private e pubbliche, Italia e all’estero. Attualmente insegna Tecnica dell’incisione all’Accademia  delle Belle Arti di Roma. Fra le opere illustrate Pinocchio, I promessi sposi e L’isola del tesoro.Quando il potere è operaio a cura di Devi Sacchetto e Gianni Sbrogiò, sarà invece presentato venerdì 15 gennaio alle ore 17.30 in un incontro con Gianfranco Bettin, Massimo Cacciari e i curatori.Le vicende del gruppo operaista del grande polo petrolchimico di Porto Marghera, le lotte operaie e i percorsi politici di uno dei più avanzati laboratori del conflitto degli anni Sessanta e Settanta, sostenute da una classe operaia fortemente acculturata che per la prima volta si dota di forme autonome di organizzazione.Quell’esperienza darà origine a una inedita soggettività operaia, studentesca e intellettuale e a una scuola politica che inciderà profondamente nel conflitto sociale degli anni successivi.Al volume è allegato il documentario in dvd Gli anni sospesi di Manuela Pellarin che, attraverso 25 video-interviste ai protagonisti e con l’uso di materiali d’epoca, ricostruisce le vicende di quella vera e propria “istituzione operaia” che fu il Comitato di Marghera.Devi Sacchetto insegna Sociologia del lavoro all’Università di Padova. Tra i suoi libri recenti: Fabbriche galleggianti (Jaca Book, 2009), La lunga accumulazione originaria (curato con M. Tomba, Ombre Corte, 2008), Un arcipelago produttivo (curato con F. Gambino, Carocci, 2007).Gianni Sbrogiò militante di Potere Operaio di Porto Marghera e poi dell’Assemblea Autonoma, imputato nel “7 aprile”. Negli anni Settanta ha lavorato all’Ammi, fabbrica metalmeccanica di Marghera, attualmente lavora presso l’Istituto per la certificazione etica e ambiente.   Ingresso libero Info: tel. 0412386111 candiani@comune.venezia.it http://www.centroculturalecandiani.it