Maravee Domus 2010, un'edizione dedicata alla casa al Castello di Susans

Art&Fatti

Majano (UD) - Con evento inaugurale fissato per venerdì 12 novembre alle ore 19.00, Maravee approda nella splendida location del Castello di Susans, grazie al mecenatismo dell’azienda Gervasoni, che nella dedizione alla cultura contemporanea riconferma l’attenzione ai valori ambientali, all’artigianato e all’alta tecnologia con la quale caratterizza i suoi prodotti di design.

Intitolata Domus, l’edizione 2010 di Maravee - la rassegna ideata e diretta da Sabrina Zannier, che dal 2002 apre prestigiose location storiche del Friuli Venezia Giulia all’arte contemporanea mettendo in scena con mostre, performance e spettacoli le opere dei più innovativi artisti regionali, italiani e stranieri, raccolti annualmente sotto uno specifico tema – si eleva a concreto esempio di collaborazione fra pubblico e privato nel sostegno e nella diffusione dei progetti culturali radicati nel territorio e aperti all’internazionalità.

Per dare corpo al concetto di domus come singola unità d’abitazione, come “luogo unico” e prezioso, che nella sontuosità del Castello di Susans vuole simboleggiare il valore dell’individuo e della soggettività. Un valore che in questa sorta di “cammino verso casa”, verso ciò che ci è più vicino e familiare, si manifesta come un’avventura nel segreto, nel non rivelato, nel non svelato. Perché, come ha scritto il filosofo tedesco Martin Heidegger, il segreto, ciò che è nascosto, non è qualcosa che suscita sgomento ma, al contrario, è ciò che ha in sé il domestico, il luogo che ci accoglie.

Un’unica location, entro la quale si concentra una ricca programmazione, che metterà in scena idee, modi e scenari per una complessiva narrazione sulla visionarietà dell’abitare. Narrazione visiva e sonora che si espanderà nei tre piani del castello dando corpo a tre mostre in cui artisti e designer provenienti da Italia, Svezia, Austria, Inghilterra, Germania, Argentina e Olanda proporranno insoliti modi di guardare e abitare l’ambiente domestico, fra lirismo e ironia. Seguendo lo spirito di una creatività nata dall’affondo nell’esistenza dei giorni, che contraddistingue l’identità di Maravee, fotografie, installazioni, sculture e oggetti di design metteranno in scena la visionarietà che nasce dal ribaltamento del quotidiano e dalla poetica dell’ordinario. In un percorso espositivo suddiviso in tre sezioni, che proporranno tre diverse declinazioni del concetto di visionarietà dell’abitare. Per la mostra intitolata Dove abito? cinque artisti — gli italiani Bruno Muzzolini, Odinea Pamici, l’austriaco Helmut Grill, l’argentina Silvia Levenson, lo svedese Palle Torsson — creano ognuno un’installazione ambientale trasfigurando una sala del castello per proporre singolari modi di abitare le stanze di casa. Da un interattivo percorso entro corridoi e stanze che propongono un viaggio teso tra realtà e fiction cinematografica, alle case-scultura che ironicamente ammiccano alla commistione comunicativa della pubblicità; da una sontuosa e viscerale camera da letto a una fragile e poetica stanza dei giochi, all’interrogativo posto dalla mostra gli artisti rispondono inscenando mondi in cui la sorpresa ha il sapore dolce e al contempo pungente dell’ironia.

Con la mostra fotografica intitolata Abitare modi e luoghi, sei artisti — le italiane Eva Frapiccini, Cristina Galliena, Odinea Pamici, l’austriaco Helmut Grill, la tedesca Karen Knorr e l’inglese Leonie Purchas — presentano altrettante modalità di vivere l’ambiente domestico, inteso nella sua dimensione interna ed esterna. Luoghi fotografati nella loro oggettività esistenziale, connotati dalla presenza di coloro che li abitano, dove l’arredo, gli oggetti e le persone stesse narrano differenze culturali e sociali. Anche nei casi in cui gli interni domestici appaiono privi di presenze umane, perché la caratterizzazione dei luoghi fotografati si eleva essa stessa a narrazione esistenziale. In altri casi ancora, gli interni o gli esterni delle case mettono invece in scena una vera e propria trasfigurazione in cui il senso dell’abitare si eleva a creazione visionaria da parte dell’artista. 

La mostra di piccole sculture e oggetti di design intitolata Gesti e cose da abitare punterà l’attenzione sul valore simbolico e funzionale di piccoli oggetti legati al vivere quotidiano, ammiccando sia alle gestualità che chiamano in causa quelli legati ad una precisa funzionalità, sia al ribaltamento di senso o di funzione suggerito dall’artista o dal designer. Con le opere degli italiani Bertozzi & Casoni, Corrado Bonomi, Belinda De Vito, Donatella Spaziani, l’olandese Kiki Van Eijk, l’argentina Silvia Levenson e l’austriaco Helmut Grill, la mostra propone un curioso percorso al piano terra del castello, dove tra luci e ombre affioreranno lavorazioni certosine di materiali pregiati, come il vetro di Murano e la più raffinata porcellana, a fianco di materiali e oggetti riciclati.

Un prestigioso evento animerà la serata inaugurale di Maravee Domus, che nella collaborazione con il Teatro la Fenice di Venezia, il Conservatorio “Jacopo Tomadini di Udine e il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia, trova ulteriore accredito qualitativo all’intera rassegna. Si tratta dell’opera intitolata Don Giovanni, variazioni sul mito, commissionata dalla Biennale Musica 2010 di Venezia, ideata dalla compositrice Maria Gabriella Zen. L’opera, che sarà diretta dal Maestro Claudio Marino Moretti, vedrà impegnati il coro femminile del Teatro La Fenice di Venezia, l’ensemble di percussioni di Venezia, composto da Roberto Barbieri, Annunziata Dellisanti, Matteo Modolo e Andrea Dal Bianco, all’organo Ulisse Trabacchin e Fabio Turchini per la voce recitante. L’opera si svolgerà come un suggestivo tableaux-vivant, nato dalla collaborazione fra la compositrice Maria Gabriella Zen, il direttore artistico di Maravee, Sabrina Zannier, e il presidente dell’associazione Modidì, Concetta Giannangeli. Un tableaux-vivant dove le coriste siederanno ad una tavola scenografata ad arte che, alla fine della performance canora e musicale, diverrà convivio per il pubblico, che avrà così occasione di partecipare ad un buffet creativo e assolutamente insolito. Il lato spettacolare di Maravee, che da sempre ne contraddistingue le serate inaugurali, quest’anno si annuncia all’insegna della musica, anche grazie alla collaborazione dell’Associazione culturale Mattatoioscenico, che cura la performance di altri quattro musicisti specializzati nell’improvvisazione. Piero Bittolo Bon (sax contralto), Gabriele Cancelli (tromba), Marco Quaresmin (contrabbasso) e Paolo Pascolo (flauto traverso) interpreteranno a livello sonoro gli ambienti ideati dagli artisti visivi nella mostra intitolata Dove abito?, creando così un’opera dentro l’opera e inscenando quel principio di coralità creativa ed espressiva che Maravee ha elevato a propria cifra stilistica.

Con la partnership di Gervasoni, che si affianca alla nuova gestione dell’Associazione culturale Maravee, all’Assessorato all’Istruzione e alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia e alla Fondazione CRUP, da sempre sostenitori del progetto, ai quali quest’anno si aggiunge il Comune di Majano, il Castello di Susans si trasforma in luogo di suggestiva visionarietà creativa.

Dal 12 novembre al 12 dicembre 2010

Castello, loc. Susans  88 - Majano (UD)

Maravee Domus 2010

Le mostre

Dove abito?

Artisti: Bruno Muzzolini e Odinea Pamici, l’austriaco Helmut Grill, l’argentina Silvia Levenson, lo svedese Palle Torsson

A cura di Sabrina Zannier

Cinque artisti — gli italiani Bruno Muzzolini e Odinea Pamici, l’austriaco Helmut Grill, l’argentina Silvia Levenson, lo svedese Palle Torsson — creano ognuno un’installazione ambientale trasfigurando una sala del castello per proporre singolari modi di abitare le stanze di casa. Da un interattivo percorso entro corridoi e stanze che propongono un viaggio teso tra realtà e fiction cinematografica, alle case-scultura che ironicamente ammiccano alla commistione comunicativa della pubblicità; da una sontuosa e viscerale camera da letto a una fragile e poetica stanza dei giochi, all’interrogativo posto dalla mostra gli artisti rispondono inscenando mondi in cui la sorpresa ha il sapore dolce e al contempo pungente dell’ironia.

Abitare modi e luoghi

Artisti: Eva Frapiccini, Cristina Galliena, Odinea Pamici, Helmut Grill, Karen Knorr, Leonie Purchas

A cura di Sabrina Zannier

E’ la mostra di fotografia in cui le artiste italiane Eva Frapiccini, Cristina Galliena, Odinea Pamici, l’austriaco Helmut Grill, la tedesca Karen Knorr e l’inglese Leonie Purchas presentano diverse modalità di vivere l’ambiente domestico, inteso nella sua dimensione interna ed esterna. Luoghi fotografati nella loro oggettività esistenziale, connotati dalla presenza di coloro che li abitano, dove l’arredo, gli oggetti e le persone stesse narrano differenze culturali e sociali. Anche nei casi in cui gli interni domestici appaiono privi di presenze umane, perché la caratterizzazione dei luoghi fotografati si eleva essa stessa a narrazione esistenziale. In altri casi ancora, gli interni o gli esterni delle case mettono invece in scena una vera e propria trasfigurazione, in cui il senso dell’abitare si eleva a creazione visionaria da parte dell’artista.

Gesti e cose da abitare

Artisti: Bertozzi & Casoni, Corrado Bonomi, Belinda De Vito, Donatella Spaziani, Kiki Van Eijk, Silvia Levenson, Helmut Grill

A cura di Sabrina Zannier

Mostra di piccole sculture e oggetti di design, che punterà l’attenzione sul valore simbolico e funzionale di piccole cose legate al vivere quotidiano, ammiccando sia alle gestualità che chiamano in causa quelle legate a una precisa funzionalità, sia al ribaltamento di senso o di funzione suggerito dall’artista o dal designer.

 

Con le opere degli italiani Bertozzi & Casoni, Corrado Bonomi, Belinda De Vito, Donatella Spaziani, l’olandese Kiki Van Eijk, l’argentina Silvia Levenson e l’austriaco Helmut Grill, la mostra propone un curioso percorso al piano terra del castello, dove tra luci e ombre affioreranno lavorazioni certosine di materiali pregiati, come il vetro di Murano e la più raffinata porcellana, a fianco di materiali e oggetti riciclati.
 

Vernissage: venerdì 12 novembre, ore 19.00 con la partecipazione del Teatro La Fenice di Venezia per l’opera Don Giovanni, variazioni sul mito.Una commissione della Biennale Musica di Venezia 2010. Animazioni musicali a cura di Mattatoioscenico.Dinner creativo a cura di Modidì.

Orario: Venerdì, sabato e domenica 11.00 -13.00 e 15.00 -19.00

Ingresso libero

Info: Associazione Culturale Maravee

www.maraveedomus.com