Incontri Asolani 2011: un viaggio in Europa sulle rotte della musica per il XXXIII Festival Internazionale di Musica da Camera

Rassegne
Dal 30 agosto al 16 settembre un percorso nel dolente, intrigante, pensante, errante, romantico.... vecchio continente

Asolo (TV)  -  Cento orizzonti, secondo Carducci, quelli che incoronano il paesaggio di ulivi e cipressi che la contornano. Colli luminosi che nel corso dei secoli hanno ispirato artisti come Pietro Bembo e Antonio Canova, Lorenzo Lotto e Robert Browning...

Ma Asolo, borgo incantato incastonato tra le morbide colline trevigiane - rinascimentale cenacolo di poeti e dignitari della corte della Regina Cornaro nonché ottocentesca corte cosmopolita di artisti e intellettuali - gode anche di orizzonti che Carducci non ha potuto conoscere, perché apertisi solo negli ultimi decenni. Sono gli ampi orizzonti musicali di Incontri asolani, Festival Internazionale di Musica da Camera proposto da Asolo Musica fin dal 1978, che per la sua 33ma edizione proporrà sei appuntamenti, dal 30 agosto al 16 settembre, nella medievale Chiesa di S. Gottardo, unico resto di un grande complesso medievale del periodo di Ezzelino Da Romano, che custodisce, fra gli altri, affreschi di Paolo Uccello e Dario Da Treviso.

I silenzi che Gian Francesco Malipiero andò a cercare ad Asolo all'inizio del Novecento, tornano, così, da martedì 30 agosto, ad ospitare incontri con la musica da camera più "alta" e con i suoi interpreti più acclamati, che negli angusti spazi asolani  stabiliscono con il pubblico contatti meno formali e più intimi rispetto a quelli concessi dall'austerità delle consuete sale da concerto. Cornice insolita ed esaltante per momenti di grande musica cui hanno partecipato, e continuano a partecipare, i solisti più amati ed acclamati, da Salvatore Accardo a Krystian Zimerman, tanto per non fare torto a nessuno e citare gli estremi di un lungo elenco in ordine alfabetico. Senza dimenticare le straordinarie presenze di Martha Argerich, Aldo Ciccolini, Severino Gazzelloni, Nikita Magaloff, AnneSophie Mutter, Sviatoslav Richter, Mstislav Rostropovich e molti, molti altri.
Il cartellone annuncia sei nuovi momenti per ritrovare e rivivere emozioni, questa volta riferite ai molteplici aspetti culturali, sentimentali e spirituali della musica europea: dall’Europa “Dolente” del Quando stanno morendo di Luigi Nono (con l’ensemble L’arsenale, il 30 agosto) a quella “Intrigante”, che oltrepassa i confini geografici e stilistici (Sergej Krylov e Maria Mazo venerdì 2 settembre); ma anche a quella che guarda al futuro rappresentato dal vincitore del Concorso Pianistico “F.Busoni”, che sarà proclamato il 2 settembre (martedì 6 settembre); e al passato imprescindibile di cui l’Arte della Fuga di J.S. Bach costituisce la Summa (con il quartetto di viole da gamba di Vittorio Ghielmi e il fortepiano del 1747 di Lorenzo Ghielmi, domenica 11 settembre). Senza dimenticare, poi, l’Europa “errante” delle culture che si affacciano sul Mediterraneo (Mario Brunello e Orchestra d’Archi Italiana, martedì 13 settembre) e quella Romantica di Brahms e Čiajkovskij proposta da un sestetto d’archi d'eccellenza, guidato dalla violinista Natasha Korsakova e dal violista Bruno Giuranna (venerdì 16 settembre).
Non nascondono, il presidente di Asolo Musica Maurizio Jacobi e il direttore artistico Federico Pupo,  le grandi difficoltà finanziarie che l’Associazione ha dovuto superare per riuscire a riproporre un programma all’altezza delle sue tradizioni, data la scure dei tagli imposti dal finanziamento pubblico (ma non, in verità, dallo Stato, che ha dimostrato di comprendere la valenza nazionale ed internazionale del Festival Asolano). Spiega Jacobi: E’ grazie agli straordinari “Incontri” con i più affermati musicisti della scena internazionale che anche questa stagione ha potuto essere realizzata con proposte di assoluta qualità; è anzitutto grazie alla disponibilità e all’amicizia dimostrata dagli artisti che si esibiranno che abbiamo potuto proporre questa nuova edizione degli “Incontri Asolani”; e dobbiamo anche molto ringraziare i sostenitori privati dell’Associazione e del Festival, senza i quali non saremmo riusciti a resistere.

Ci dobbiamo abituare tutti  - prosegue il presidente - a conquistare la cultura, perché non possiamo dipendere in modo determinante dal sovvenzionamento pubblico, ovviamente gradito ma spesso precario nei tempi e negli importi e quindi, tra l’altro, difficilmente compatibile con una vera programmazione. Ma noi siamo convinti, come affermava Dostoevskij, che solo “la bellezza salverà il mondo”, pertanto ci siamo incoraggiati a continuare ad impegnarci quotidianamente per la promozione e la diffusione della cultura musicale.
 

Dal 30 agosto al 16 settembre 2011

Chiesa di San Gottardo - Asolo (TV)

Incontri Asolani 2011, XXXIII Festival Internazionale di Musica da Camera -  Europa...

Il programma

Martedì 30 agosto, ore 20:45

Europa... dolente

Ensemble L’arsenale
Francesca Cescon, flauto basso
Massimo Raccanelli, violoncello

Nicola Buso, Live electronics

Livia Rado e Sonia Visentin, soprano
Tamara Soldan, mezzosoprano
Francesca Poropat, contralto
Filippo Perocco, direttore

Luigi Nono: Quando stanno morendo. Diario Polacco N.2
Testi a cura di Massimo Cacciari

Venerdì 2 settembre
, ore 20:45

Europa... intrigante

Sergej Krylov, violino
Maria Mazo, pianoforte

Musiche di M. Ravel, G. Gershwin, I. Albéniz ,M. De Falla, G.Bizet

Martedì 6 settembre, ore 20:45

Vincitore del 58esimo Concorso Pianistico Internazionale “Ferruccio Busoni”

Domenica 11 settembre, ore 20:45

Europa... pensante

Quartetto di Viole da Gamba "Il suonar Parlante"
Vittorio Ghielmi, viola soprano
Rodney Prada, viola tenore
Fahmi Alqhai, viola basso
Cristiano Contadin, viola contrabbasso
Lorenzo Ghielmi, fortepiano Silberman 1747

Johann Sebastian Bach: Die Kunst der Fuge

Martedì 13 settembre, ore 20:45

Europa... errante

Orchestra d’Archi Italiana
Mario Brunello, violoncello e direttore

Musiche di M.De Falla, G.Sollima, A.Sokolovic,tradizionali turche e armene

Venerdì 16 settembre, ore 20:45

Europa... romantica

Natasha Korsakova, violino
Manrico Padovani, violino
Bruno Giuranna, viola
Wolfgang Wölfer, viola
Walter Vestidello, violoncello
Luca Franzetti, violoncello
Musiche di J. Brahms, P. Čajkovskij 

Biglietti: con il duplice scopo di facilitare l’ingresso ai concerti e di richiedere sostegno al Festival, per la prima volta “Incontri Asolani” promuove anche una vantaggiosa formula di abbonamento ai sei concerti al costo di 90 euro (ridotti e soci Asolo Musica 60 euro), al posto dei 20 euro previsti per l’ingresso a ciascun concerto (costo del biglietto invariato da molti anni).

 

Il Festival “Incontri Asolani” è organizzato dall’associazione Asolo Musica Veneto Musica, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Dipartimento dello Spettacolo, della Regione del Veneto e della Provincia di Treviso - RetEventi Cultura 2011, con la collaborazione del Comune, della Parrocchia e della Pro Loco di Asolo.

Biglietti: interi euro 20,00 – ridotti euro 15,00 (riduzioni fino ai 25 ed oltre i 60 anni; soci Asolo Musica; possessori Card Unindustria Tv) Ai possessori di biglietto del concerto il Comune di Asolo concede cortesemente la sosta gratuita presso il parcheggio comunale 1 “Cipressina”.

Info e biglietteria: Asolo Musica

Tel. 0423. 950150

info@asolomusica.com

www.asolomusica.com