Lorenzo Gleijeses protagonista de Il principe di Homburg al Politeama Rossetti

E20
Dal 15 al 17 marzo 2013 di Trieste la pièce di von Kleist nell'allestimento di Cesare Lievi

TRIESTE - La splendida prosa di Heinrich von Kleist è al centro de Il principe di Homburg, lo spettacolo che Cesare Lievi mette di scena, dal 15 al 17 marzo, al politeama Rossetti, con con Lorenzo Gleijeses nel ruolo del titolo.

Tutto inizia con un sogno. E con un sogno ogni tensione si scioglie ne Il Principe di Homburg, misterioso e incantevole dramma di Heinrich von Kleist. Cesare Lievi, regista dalla cultura raffinata e dalla profonda competenza per la drammaturgia tedesca assume con convinzione quale perno della sua messinscena questa dimensione onirica, intuita già da Botho Strauss e poi da Peter Stein negli anni Settanta…

È però nel suo spettacolo prodotto dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine con il CSS, che la materia del sogno è espressa con vera pienezza, diviene la chiave di una lettura moderna e viva, e pervade di sé l’intera messinscena, dalla scenografia allo sfumato disegno luci, all’impostazione attoriale.

Gli interpreti – vuole il regista – incarnano l’onirismo nella recitazione e nel modo stesso di “stare in scena”: sono quasi sempre presenti, al margine dei quadri recitati e vi entrano in modo delicato, quasi materializzandosi… Nessuna retorica, nessun patetismo dunque per Lievi, ma un affresco palpitante di emozioni, che raffigura, come un viaggio interiore, la lotta di un giovane diviso fra ribellione e senso del dovere, libertà e obbedienza.

Una lotta fra pulsioni opposte che Heinrich von Kleist stesso combattè: s’impegnò nell’esercito ma poi lasciò le armi per dedicarsi agli studi scientifici ma si volse poi alle lettere, provò a impiegarsi nell’amministrazione prussiana ma finì per preferire la poesia… E alla fine seppe riconciliarsi con il mondo soltanto togliendosi la vita. Nei suoi drammi – e anche nelle bellissime opere narrative, fra tutte La Marchesa von O. – è spesso la dimensione del sogno a rappresentare l’unica via di conciliazione ai contrasti della vita.
Una poetica antesignana, un autore che fin dai primi anni dell’Ottocento intuisce con incredibile e poetica chiarezza la crisi dell’uomo moderno, le sue disconnessioni interiori e la potenza dell’inconscio…

In scena ammireremo la classe di Sefano Santospago, Ludovica Modugno e Graziano Piazza, come la fresca generosità di Lorenzo Gleijeses e Maria Alberta Novello, che regalano ai ruoli di Homburg e Natalia tutta l’emozione, lo spaesamento di due giovani che cercano fra regole e utopie di affermare il loro diritto di vivere.

Stagione Teatrale 2012-2013

Dal 15 al 17 marzo 2013
Venerdì 15 e sabato 16 marzo, ore 20:30; domenica 17 marzo, ore 16:00

Politeama Rossetti, Largo Giorgio Gaber 1 - TRIESTE

Il principe di Homburg
di Heinrich von Kleist
traduzione di: Cesare Lievi
drammaturgia di Peter Iden
con Andrea Collavino, Lorenzo Gleijeses, Ludovica Modugno, Maria Alberta Navello, Graziano Piazza, Stefano Santospago
Scene: Josef Frommwieser
Costumi: Marina Luxardo
disegno luci di: Gigi Saccomandi
Regia: Cesare Lievi
Una Produzione Teatro Nuovo Giovanni da Udine e CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

Biglietti: da 12 a 29 euro

Info: Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia
Tel. 040 3593511
info@ilrossetti.it
www.ilrossetti.it