Un'altra giovinezza, il nuovo film di Francis Ford Coppola dal 26 ottobre al Visionario

UDINE - In prima visione esclusiva uscirà al Visionario l'ultimo film di Francis Ford Coppola Un'altra giovinezza, presentato con successo al Festival del Cinema di Roma pochi giorni fa. Tratto dall'omonimo romanzo del rumeno Mircea Eliade, il film, ambientato alla soglie della Seconda Guerra Mondiale, narra la storia bizzarra e surreale di un professore di Bucarest (Dominic Matei, interpretato da un insuperabile Tim Roth) che decide di suicidarsi ingerendo una dose letale di stricnina. Ma, la mattina di Pasqua, mentre si trova davanti alla stazione ferroviaria di Bucarest, viene colpito da un fulmine. Paradossalmente il fulmine, invece di ucciderlo, innesca nel suo corpo un inspiegabile processo biologico di rigenerazione. Durante l’inevitabile convalescenza la sua mente è ossessionata dal ricordo di Laura, la donna, ormai morta da anni, che egli ha amato in gioventù e che l’ha lasciato perché lui non le lasciava spazio nella sua vita, dedicando maggiori forze allo studio e alla conoscenza. Riportato alla vita, ringiovanito, l'uomo si trova proiettato in un nuovo ciclo esistenziale e riacquista vigore e capacità intellettive notevolmente potenziate. Ben presto incontra Veronica, una donna che egli sente come l'esatta incarnazione della Laura che aveva tanto amato, e con lei decide di affrontare il suo nuovo destino. Un’altra giovinezza segna il ritorno, dopo ben 8 anni di assenza, di un Maestro al cinema, un regista in forma smagliante che si è divertito a porre quesiti filosofici estremi, a creare immagini straordinarie e a dirigere attori talentuosi che, con lui e grazie a lui, hanno dato il meglio di sé. Il film è strutturato su diversi livelli di lettura: nel primo possiamo cogliere una fiaba epica con dei risvolti metafisici. In un secondo livello scorgiamo una riflessione sul significato ultimo del linguaggio e dell'immagine. Come il precedente Dracula di Bram Stoker, anche quest'ultimo suo film è una riflessione sul tempo e sull'eternità e, al contempo, un saggio sull'essenza del cinema stesso. Il film si trova costantemente in equilibrio tra scienza e magia, simile a quella magia, possiamo dire creata dal cinematografo, oggetto magico e tecnico, dall'ultimo “artista totale del cinema americano”. In quest’opera il parallelismo fra Coppola e il protagonista del film è immediato: l’opportunità di rivisitare la loro giovinezza con gli occhi, pur restando nel presente e attingendo alla saggezza data dall’esperienza e dalla maturità. Con Dominic ciò succede grazie ad un fulmine, l’equivalente per Coppola è stato scoprire il racconto di Eliade. Quando ho letto la storia” spiega Coppola “sapevo che se avessi fatto il film avrei imparato a esprimere il tempo e i sogni nel linguaggio del cinema. Fare un film è come fare una domanda e, quando hai finito, la  risposta è il film. Un'opera, ancora una volta, del tutto personale e rivoluzionaria. Il film sarà proiettato da domani, in esclusiva, al Visionario all’interno della programmazione curata dal Centro Espressioni Cinematografiche con i seguenti orari: ore 15.20 - 17.40 - 20.00 - 22.20. Dal 26 ottobre 2007 Cinema Visionario - UDINE ore 15.20 - 17.40 - 20.00 - 22.20 UN'ALTRA GIOVINEZZA di Francis Ford Coppola, USA-Romania, 2007,124' con Tim Roth, Alexandra Maria Lara, Bruno Ganz