All'ateneo di Udine va in cattedra la Polizia Postale e delle Comunicazioni del Fvg

Uni UD
Opportunità e rischi del Web 2.0, crimini informatici e devianza on line

 UDINE - Le nuove opportunità, ma anche i rischi che il Web 2.0 offre agli utenti di Internet saranno al centro del seminario che il personale specializzato nei crimini informatici del Compartimento di Polizia postale e delle comunicazioni del Friuli Venezia Giulia terrà  martedì 3 maggio dalle 9 alle 11 nell'aula M di palazzo Alvarez, in via Diaz 5 a Gorizia.

L'appuntamento, dal titolo "Internet 2011. Evoluzione delle dinamiche sociali on line: osservazioni e problematiche", è organizzato nell'ambito dell'insegnamento di Sociologia della comunicazione mobile e dei nuovi media del corso di laurea magistrale in Comunicazione integrata per le imprese e le organizzazioni della facoltà di Lingue e letterature straniere dell'università di Udine.

Le opportunità offerte oggi dal Web, quali la diffusa partecipazione, la possibilità di fare acquisti, l'accesso ai propri movimenti bancari, trovare e svolgere lavoro rimanendo semplicemente collegati dal proprio PC, "aumentano - anticipa Luca Violino, della Polizia postale del FVG - la possibilità di diventare vittime, se non addirittura autori o complici, anche ignari, di crimini informatici. I rischi non riguardano più soltanto grandi istituzioni, ma anche le piccole e medie imprese e i privati cittadini".

Il problema riveste anche aspetti sociali, in quanto "la facilità di accesso a contenuti e azioni che non sempre rispettano la legalità - esemplifica Nicola Strizzolo, docente del corso e organizzatore dell'incontro - può abbassare la soglia di percezione dell'illeceità di comportamenti ritenuti, invece, per la loro facile diffusione, culturalmente normali e accettabili". Ancora, grazie ad esempio ai corsi per anziani, "una nuova fetta di info-alfabetizzati si avvicina oggi al PC - aggiunge Strizzolo - aprendo un'importante via di comunicazione e di interazione, ma, al contempo, esponendo a truffe on line una significativa parte della popolazione".

Il seminario sarà un momento di confronto con gli studenti del corso e "vuole essere l'inizio - conclude Strizzolo - di uno scambio di competenza tra Università di Udine e Polizia che possa andare nella direzione di ulteriori collaborazioni di ricerca e studi". In questo senso, "l'ipotesi - annuncia Strizzolo - è una collaborazione per la realizzazione di un osservatorio territoriale per i crimini on line".