Ca' Foscari: 500 laureati a San Marco

Uni VE
Davanti ad una platea di 2.500 persone, per la prima volta la consegna del diploma ai neo dottori dell’ateneo

 VENEZIA – Si è svolta venerdì 1 luglio, nella cornice di Piazza San Marco, la prima edizione del Giorno della laurea, la cerimonia di consegna dei diplomi di laurea triennali dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Un momento magico per i 500 neo dottori dell’ateneo veneziano che hanno festeggiato tutti assieme lanciando in aria, all’ombra del Campanile, i tocchi con il fiocco di filo rosso.

Il rettore di Ca’ Foscari Carlo Carraro, che ha consegnato i diplomi di laurea insieme al prorettore Stefano Gasparri, ha introdotto la cerimonia: «Festeggiare il proprio diploma di laurea nella piazza più bella del mondo è un evento unico. Mi auguro che i nostri studenti e le loro famiglie non scordino mai questo momento – ha affermato Carraro – L’istruzione e la formazione sono un investimento nel proprio futuro e il giorno della laurea il primo importante passaggio in questo senso che merita pertanto di avere il giusto riconoscimento. Ringrazio il sindaco della città Giorgio Orsoni che ha appoggiato questa iniziativa fin da subito e la Sovrintendente Renata Codello augurandomi che i rapporti fra l’università e le istituzioni culturali della città proseguano e si sviluppino in modo crescente ».

All’introduzione del rettore è seguito il saluto del sindaco della città Giorgio Orsoni e l’intervento di uno studente in rappresentanza dei 500 laureati. Orsoni è stato subito a fianco di Ca’ Foscari in questa prima assoluta :«Una città è viva perché vivo è il suo tessuto, fatto di abitanti, di giovani, di famiglie, di lavoro. Mi piace ricordare che spesso moltissimi studenti arrivati qui per seguire i corsi delle nostre prestigiose università  sono poi rimasti diventando essi stessi cittadini. Questo evento, il Giorno della Laurea, non solo si doveva ambientare qui nella più importante e rappresentativa piazza di Venezia, ma dovrà mantenersi nel futuro evento simbolico di passaggio dalla vita di studenti a quella di cittadini. Il Giorno della Laurea in Piazza San Marco è l’abbraccio della città a tutti voi, pronti ad intraprendere nuove ed entusiasmanti strade».

Matteo Sostero ha conseguito la laurea in Economics and Management e svolto uno stage presso la Fondazione Eni Mattei: «Durante la nostra permanenza a Ca’ Foscari siamo stati partecipi di un’Università in continua evoluzione. Oggi, però, possiamo anche riflettere sull’Università che noi studenti vorremmo per il futuro – ha detto nel suo discorso - Un’Università  ancora più aperta all’Europa e al mondo, che promuova e accolga con più convinzione gli scambi internazionali; che sappia trarre beneficio dalla diversità come occasione di crescita; che sappia dialogare alla pari con le Università straniere. Un’Università che consideri le opinioni e le richieste degli studenti,  che valorizzi i loro contributi accademici, coinvolgendoli sempre più concretamente nella vita del /loro/ AteneoSiamo noi laureandi che abbiamo, oggi, l’opportunità di rendere Ca’ Foscari una grande Università, pronta ad affrontare le sfide del futuro».

Ospite d’onore della cerimonia il giornalista e scrittore Beppe Severgnini che in occasione del Giorno della laurea a San Marco ha tenuto la lectio /Tutte le T del tempo che viene: /«In questa giornata splendida mi rivolgo a voi ragazzi che avete il dovere storico, civile e morale dell’ottimismo – ha detto Severgnini – Non avete il diritto di sognare ma il dovere di sognare, ogni grande impresa nasce da un sogno e se qualcuno vi  dovesse mai dire che non è possibile gli risponderete invece che  lo è».