Con Lelio in mente, la Settimana del cervello ricorda Lelio Luttazzi a Trieste

Pocket News

TRIESTE – Raccontare l’esperienza della malattia, e indicare un percorso possibile di guarigione non attraverso le parole di medici e terapeuti, ma ripercorrendo la testimonianza di un artista, e personaggio pubblico, che ha dovuto affrontare nella sua vita vicende complesse e drammatiche.

Intorno a queste premesse ruota la conversazione pubblica Con Lelio in mente, dedicata a Lelio Luttazzi, in programma venerdì 18 marzo (ore 18, Hotel Savoia Excelsior – spazio della Library) nell’ambito delle iniziative della Settimana del cervello promosse dal Centro BRAIN dell’Università di Trieste.

Con Lelio in mente nasce per iniziativa del prof. Gilberto Pizzolato, direttore del D.U.C. di Scienze Mediche, Tecnologiche e Traslazionali dell’ateneo di Trieste, e della moglie di Lelio, Rossana Luttazzi: insieme introdurranno la conversazione coordinata dallo scrittore e giornalista Pietro Spirito, che impegnerà la giornalista Marinella Chirico e il  Direttore di Casa della Musica Gabriele Centis. Gli interventi musicali live saranno curati dal pianista Marco Ballaben, mentre l’attore Gualtiero Giorgini leggerà alcuni testi autografi di Lelio Luttazzi.
Cosa succede, cosa scatta nella nostra mente quando arriva un forte elemento di disturbo e disagio per la nostra vita ? Questa la domanda centrale dell’appuntamento: il pubblico potrà confrontarsi con le risposte ‘consegnate’ a noi dall’uomo e dall’artista Lelio Luttazzi, rimaste impresse nella sua musica e nei suoi scritti. L’occasione, dunque, per cogliere un elemento davvero prezioso e unico di profonda congiunzione fra elemento umano e artistico, davanti alle tortuosità dell’esistenza. L’incontro è realizzato in stretta sinergia con la Fondazione Lelio Luttazzi, attiva dall’ottobre 2010 per promuovere azioni e progetti rivolti alla diffusione della cultura, dell'educazione e della formazione musicale, così come le attività di carattere sociale in cui la musica rappresenta un valore e gli eventi che ricordano la figura umana e artistica del Maestro Luttazzi.
Con la Settimana del Cervello ogni anno, a marzo, centinaia di manifestazioni in tutto il mondo portano i risultati più interessanti della ricerca scientifica a conoscenza del grosso pubblico. Finora, la campagna della Settimana del Cervello ha messo insieme più di 1.870 organizzazioni, associazioni di malati, agenzie governative, gruppi di servizio e organizzazioni professionali in 62 Nazioni, tutti impegnati nel comunicare i progressi della ricerca sul cervello.